Koppel A.W. srl Ascensori
Via Strasburgo 23/A
43123 Parma
tel. ++39 052 160 7028
fax ++39 052 160 7185
koppel@tin.it
koppel@formulapec.it

P.I. IT01516060348

HOME Chi siamo | Prodotti | Servizi | Ambiente | Sicurezza | Link | Contatti | MOBILE
SILENZIOSITA'
L'ascensore, come altre macchine e impianti, nel suo funzionamento produce due tipi di rumore: "aereo" e "strutturale".
Quest'ultimo è più complesso da trattare, perchè implica che il costruttore dell'edificio, o chi cura l'intervento di adeguamento dell'edificio esistente, tenga conto che le vibrazioni prodotte dalle parti in movimento dell'impianto possono essere trasmesse ed addirittura in certi casi amplificate da alcune strutture (metalliche, in cemento armato) dell'edificio, se non si prendono provvedimenti adeguati.
KOPPEL A.W naturalmente è disponibile a fornire ai progettisti quei dati che consentono loro di ridurre l'impatto inevitabile di questi tipi di rumore.
Le vibrazioni in quanto tali sono anch'esse oggetto di attenzione, ed esiste in ambito ascensoristico, la norma ISO 13738 "Misura della qualità della corsa" (della cabina), che di questi aspetti si occupa, e di cui l'azienda tiene conto ai fini di migliorare il comfort in cabina, e nello stesso edificio (per quanto in quest'ultimo le influenze sono avvertibili solo quando le velocità dell'impianto sono notevoli).
Tornando al rumore, le legislazioni esistenti in Italia, e più in generale in Europa, guardano il problema da due distinti punti di vista:
- quello esterno, laddove l'edificio viene situato in una certa zona della città o regione, nella quale appunto all'esterno dell'edificio non deve essere inviato un rumore superiore a certi livelli; l'ascensore di solito non è tale da essere rilevante da questo punto di vista;
- quello interno, di cui si occupain particolare il DPCM 5 dicembre 1997 "Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici", laddove l'ascensore può essere rilevante.
Il particolare, il valore LAXmax rilevato negli ambienti abitati e frequentati non deve mai superare i 35 decibel, ed è un valore giustamente molto basso. Non tutte le apparacchiature dell'ascensore, oppure non sempre, (ivi incluse quelle di KOPPEL A.W.) sono in grado di rispettare intrinsecamente questo limite; il valore massimo emesso viene indicato nella documentazione di progetto dell'impianto.
Occorre che il progettista ed il costruttore insonorizzino adeguatamente gli ambienti vicini al locale macchine ed al vano ascensore. E' evidente che da questo punto di vista non sono preferibili gli ascensori privi di locale macchine proprio, laddove il macchinario è quindi posto nel vano ascensore (di solit l'elettrico), o addirittura nei locali comuni dell'edificio (di solito l'idraulico), e la insonorizzazione efficace risulta più difficile.